Manifesto programmatico (0)

ORDINE DEGLI ARCHITETTI DELLA PROVINCIA DI PESCARA
MANIFESTO PROGRAMMATICO DELLA COMMISSIONE SVILUPPO SOSTENIBILE

 

La Commissione Sviluppo Sostenibile, istituita dall’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Pescara con Regolamento approvato con Delibera di Consiglio del 16.12.2009, vuole essere un luogo di incontro e di lavoro permanente fra professionisti, associazioni di categoria, associazioni culturali di settore, enti proprietari e gestori di patrimoni immobiliari privati e pubblici, mondo dell’imprenditoria, ed Amministrazioni pubbliche.
Obiettivi della Commissione Sviluppo Sostenibile sono la diffusione di una nuova cultura del progetto urbanistico e architettonico, la promozione di un’edilizia di qualità che abbia come obiettivo il benessere, la salute dei cittadini e la salvaguardia dell’ambiente, mediante attività rivolte agli iscritti all’Albo (finalizzate alla conoscenza ed alla divulgazione delle tematiche ambientali legate all’architettura) ed attività volte all’instaurarsi di relazioni con gli Enti territoriali di riferimento. A questo fine la Commissione Sviluppo Sostenibile è aperta al contributo di tutti gli iscritti e rappresentanti di quelle organizzazioni che a vario titolo si occupano di architettura sostenibile, intesa
come un equilibrato mix di efficienza energetica negli edifici, di uso di materiali con un ciclo di vita non impattante, di impianti innovativi ed altamente performanti, alimentati anche da energie rinnovabili, di attenzione alla salubrità degli ambienti confinati ed alle risorse ambientali.
La Commissione Sviluppo Sostenibile intende svolgere in tal senso un’opera di aggiornamento continuo per i professionisti iscritti all’Ordine e nello stesso tempo fornire strumenti per accrescere la visibilità dell’Ordine all’esterno: proporsi come una sorta di interfaccia tra la nostra categoria e quella parte di società interessata alle tematiche ambientali.
La Commissione Sviluppo Sostenibile Ed Energia, prendendo come riferimento il rapporto mondiale G.H Brundtlant sulla sostenibilità, la Carta delle città europee per un modello urbano sostenibile di AALBORG e i principi del Protocollo di Kyoto per lo sviluppo sostenibile e l’uso razionale delle risorse rinnovabili, intende promuovere una serie di attività culturali e professionali secondo un programma articolato in linee di azione e attività conseguenti.

AMBITI DI LAVORO DELLA COMMISSIONE
SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE (ARCHITETTURA BIO-CLIMATICA E BIOEDILIZIA, MATERIALI BIO-EDILI E
TECNOLOGIE ECO-COMPATIBILI) ED EFFICIENZA ENERGETICA

 

– Diffusione e conoscenza della certificazione energetica e/o ambientale degli edifici;
– Diffusione, uso e conoscenza dei sistemi tecnologici ed impiantistici innovativi volti ad incrementare l’efficienza energetica e le prestazioni dell’edificio;
– Diffusione della cultura del progetto ambientalmente sostenibile a scala urbana e dell’edificio;
– Diffusione della conoscenza dei materiali bioedili (tra tradizione e innovazione) e delle soluzioni tecnologiche sempre più efficaci e a ridotto impatto ambientale;
– Diffusione della conoscenza delle marcature e certificazioni di eco-compatibilità dei prodotti bioedili;

STRUMENTI DI ATTUAZIONE
1. FORMAZIONE – PARTECIPAZIONE

1.1. Formazione e aggiornamento professionale:

Promuovere e patrocinare la formazione post-universitaria e di aggiornamento per i professionisti affinché si diffonda maggiore consapevolezza e sensibilità sulle tematiche ambientali e dell’efficienza energetica. Strumenti:
Questo obiettivo si concretizza attraverso l’organizzazione di una serie di giornate informative monotematiche, corsi, convegni (articolati non solo come lezioni ex cathedra ma anche sotto forma di visite a cantieri ed esperienze di pratica costruttiva) e viaggi, ed offre la possibilità di approfondire le conoscenze nell’ambito dell’architettura sostenibile e di aggiornare il curriculum.

 

1.2 Partecipazione degli stakeholders:

Promuovere la cultura del progetto e delle strategie di sostenibilità attraverso il coinvolgimento di tutti gli attori che partecipano alle trasformazioni fisiche dell’ambiente. Dalla scala urbana alla scala dell’edificio, le strategie di sostenibilità presuppongono l’informazione e il coinvolgimento di tutti gli attori, potenziali stakeholder o “portatori di interessi sani”, che partecipano alle trasformazioni fisiche del proprio ambiente, così come previsto anche dal quadro normativo italiano che sta introducendo sempre di più il ricorso all’attivazione di processi decisionali inclusivi, mediante un approccio partecipativo, di piani e programmi che implicano scelte in tema di energia, clima, rifiuti. La Commissione formulerà quindi indirizzi per la formazione di processi decisionali inclusivi nella progettazione eco-sostenibile che in sintesi potranno essere i seguenti:

• la comunicazione mirata e la promozione dei vari “emittenti” pubblici e privati che promuovono la progettazione ecosostenibile;
• la formazione di soggetti tecnici, pubblici e privati, che si occupino di costituire laboratori territoriali, di redigere guide per la progettazione eco-sostenibile, di istituire osservatori della sostenibilità ambientale. Strumenti:

Una possibile azione per la realizzazione di questo obiettivo potrebbe essere l’organizzazione della segnalazione di attività imprenditoriale particolarmente significativa – sotto forma di un premio – che può rappresentare un interessante tentativo di coinvolgere il settore degli imprenditori dell’intera filiera edile.

 

2. RAPPORTO CON GLI ENTI TERRITORIALI (EE. LL. P.A.)

Promozione di norme regolamentari di incentivazione per l’edilizia sostenibile:
Incentivare comportamenti volontari delle piccole imprese, delle Amministrazioni Locali, degli Istituti dell’Edilizia Convenzionata, sviluppare la domanda di edilizia sostenibile da parte degli acquirenti finali, sensibilizzare l’utenza ad un utilizzo consapevole e sostenibile dell’edificio, promuovere l’applicazione e la sperimentazione.
Attività volte alla promozione di norme regolamentari di incentivazione per l’edilizia sostenibile, mediante il coinvolgimento dell’ente provinciale di riferimento sulla istituzione di un protocollo d’intesa finalizzato alla redazione di linee guida per promuovere scelte di indirizzo regolamentare e gestione del territorio, sui principi della sostenibilità, favorendo l’apertura di Eco-Sportelli.
Strumenti: convegni di presentazione di esempi significativi di linee guida (Protocollo Itaca, Anab SB100, Casaclima, Green building council, ecc.); tavolo di confronto con enti locali ed altri attori della filiera edile;

3. ASPETTI LEGISLATIVI E NORMATIVI

Leggi e normative per l’efficienza energetica ed ambientale nei piani e progetti:
Verifica dell’adeguamento della normativa italiana attualmente esistente a quella europea, e del suo recepimento nelle leggi regionali, in particolare riguardo agli incentivi ed ai benefici economici, allo scopo di proporre la promozione di incentivi di qualità nei regolamenti edilizi a livello provinciale e comunale, nonché l’obbligo del piano energetico nella stesura dei PRG. individuazione – studio di esperienze pregresse di Amministrazioni Pubbliche ritenute meritevoli di segnalazioni Best practices. Eventuale coordinamento con altre commissioni dell’Ordine, in particolare quella urbanistica e quella enti locali.

 

4. INFORMAZIONE

Un programma così articolato ha senz’altro bisogno di un forte impegno in termini di informazione e di costruire un punto di scambio e di raccolta delle informazioni per i professionisti attraverso l’attivazione di un sito internet ed al suo interno di un forum permanente di aggiornamento sull’evoluzione normativa e tecnica. Nel programma della Commissione c’è la realizzazione di un sito web linkabile dal portale dell’Ordine che si occupi di:
1. news: Concorsi, Normativa, Iniziative, mostre, convegni;
2. Mettere on line l’aggiornamento sulla normativa europea, nazionale, regionale,;
3. Organizzazione di data base per la ricerca di materiali e tecnologie bio-edili;
4. Apertura di forum on line e di dibattito su specifiche tematiche;

 

RISULTATI ATTESI

1. ISTITUZIONE DI UN OSSERVATORIO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE NELL’ARCHITETTURA IN CUI PROMUOVERE INTERVENTI A CARATTERE SOSTENIBILE NEL TERRITORIO PROVINCIALE AI VARI LIVELLI: PLANNING, BUILDING E DESIGN, MEDIANTE INIZIATIVE:
– ISTITUZIONE DI PREMI E/O SEGNALAZIONI DI PROGETTI/PROGETTISTI/COMMITTENTI
– PROMOZIONE DI CONCORSI A TEMA;
– ORGANIZZAZIONE DI INIZIATIVE CULTURALI, MOSTRE, CONVEGNI;
– ELABORAZIONE DI CALL FOR PAPER (E PUBBLICAZIONI DEGLI ATTI) SU TEMATICHE SPECIFICHE A CADENZA ANNUALE;
2. ELABORAZIONE DI LINEE GUIDA E/O FORMULAZIONE DI PROTOCOLLI, CONVENZIONI DA SOTTOPORRE AGLI EE. TT. ED ALLE P.A., FINALIZZATE ALLA IMPLEMENTAZIONE DEI REGOMANENTI ESISTENTI VERSO UNA NORMATIVA CHE FAVORISCA ED INCREMENTI INTERVENTI EDILIZI AMBIENTALMENTE SOSTENIBILI, IN LINEA CON LE DIRETTIVE EUROPEE;
3. PROPOSTA PER L’APERTURA DI ECO-SPORTELLI PRESSO GLI EE LL DELLA PROVINCIA

flickr yotube facebook

Seguici su:

Powered by flickr